Qual è il pavimento per esterno più economico per la tua casa?

Lo dicevano i nostri nonni: il pavimento per esterno più economico è quello che dura di più e che rimane bello come il primo giorno. Ecco come scegliere quello su misura per te

Sei alla ricerca del pavimento per esterno più economico per la tua casa?

La risposta è nella saggezza dei nostri nonni.

Lascia che mi presenti: sono Massimo Di Giuseppe, amministratore di Vibrotek, azienda da 30 specializzata nella produzione di pavimentazioni ultra resistenti ed eco-compatibili.
Da oltre 30 anni continuo ad occuparmi di migliorare la qualità della vita nelle case dei pugliesi, avendo un sistema di pavimentazione esterna in grado di:

  • mantenere inalterata la sua bellezza nel tempo,
  • valorizzare il contesto abitativo,
  • contribuire a realizzare corti, cortili e giardini degni di nota,
  • resistere a qualunque sollecitazione.

Nella mia vita, non mi sono limitato a produrre il pavimento più resistente al mondo, ma ho voluto fare molto di più.
Ho messo tutta la mia esperienza al servizio di tutti coloro desiderino un risultato di eccellenza per gli spazi esterni della propria casa.

Ho ideato un vero e proprio Metodo per assicurarti il miglior risultato possibile in termini di bellezza, durabilità e funzionalità.

L’obiettivo finale è offrire ai miei clienti la possibilità di acquistare il pavimento per esterno più economico per la propria casa.

Starai pensando che io sia impazzito, vero?

Che interesse avrei a proporre un qualcosa di economico, dopo che per anni ho perseguito concetti nobili come qualità, assistenza, garanzie, ecc?

La verità è che sto perseguendo il fine più alto di un uomo: offrire il meglio di ciò che so fare.

Il pavimento per esterno più economico che ci sia infatti è quello che dura di più. Ma soprattutto quello che rimane bello più a lungo, proprio come il primo giorno!

Ecco che, per rispondere a questa esigenza, sono partito da una considerazione più ampia: nel mercato sono presenti numerose soluzioni.

Qual è quella più adatta per chi pretende solo il meglio?

Cominciamo da qui:

Le 3 soluzioni di pavimentazione outdoor più diffuse in commercio

Pietra naturale: perché SI
E’ particolarmente apprezzata per il suo particolare pregio estetico, specie nelle forme più diffuse quali porfido, granito, travertino, pietra serena.

Pietra naturale: perché NO
Pur nella sua robustezza, è un materiale delicato, particolarmente soggetto agli impatti da trazione delle auto e, nel caso debba essere carrabile, va posizionata su massetto cementizio, il che ne snatura i contenuti estetici e la rende molto costosa.
In caso di interventi ai sottoservizi, purtroppo va rimossa con trattamenti invasivi e non è riutilizzabile. Per cui va successivamente integrata con porzioni che saranno differenti per forma e per tonalità.
Inoltre tende a macchiarsi specialmente a contatto con sostanze oleose. E’ poco resistente ai cicli di gelo e disgelo, per questo può manifestare spaccature, esfoliazioni, scagliatura o disgregazione nel tempo.

Ceramiche da esterno: perché SI
I materiali ceramici più diffusi per le pavimentazioni esterne sono i comuni mattoni in laterizio, soprattutto il gres e clinker.
Sono adatte per marciapiedi, balconi, logge, verande, terrazze e lastrici solari.

Ceramiche da esterno: perché NO
Vengono installate mediante l’adozione di colle su massetto cementizio, il che le fa risultare una soluzione invasiva dal punto di vista ambientale.
Non sono assolutamente adatte ad usi carrabili, quindi non ci possono passare sopra auto o mezzi pesanti.

Masselli autobloccanti: perché SI
Realizzati in finiture e colori diversi, quelli con finitura anticata sono molto simili alla pietra naturale, ma presentano costi molto più bassi e modalità di posa in opera davvero semplificate.
Inoltre sono considerati spesso l’unica soluzione capace di contemperare più esigenze: estetica, funzionalità, durabilità, resistenza ai carichi pesanti (come ad esempio le auto), sono eco-compatibili e disponibili in molteplici finiture diverse.
Ciò che li rende ancor più unici è la straordinaria capacità di essere riutilizzati in caso di rimozione per accesso ai sottoservizi, perché, in caso di necessità, possono essere agevolmente rimossi e riutilizzati senza sprechi.
Vengono posati a secco su sabbia di fiume.

Masselli autobloccanti: perché NO
I masselli rappresentano l’unico caso di pavimentazione che non presenta contro-indicazioni.

Quali soluzioni di pavimentazione sono preferire?

Chiarisco subito una cosa: tutte e tre le soluzioni sono esteticamente gradevoli a pari merito.

Ma dal punto di vista funzionale, i masselli autobloccanti hanno una marcia in più.

Ciò che li differenzia rispetto alle comuni pavimentazioni sono più fattori legati a:

  • carrabilità;
  • amovibilità;
  • eco-sostenibilità.

Gli autobloccanti hanno la capacità di resistere a qualunque carico, compreso il passaggio di veicoli pesanti, senza che ne venga intaccata l’originaria bellezza.

Inoltre, possono essere facilmente smontati per accedere ai sottoservizi e riutilizzati al termine dei lavori.

Infine, sono straordinariamente in linea con le esigenze ambientali perché si installano senza opere invase e, su richiesta, permettono il passaggio dell’acqua in presenza di piogge anche torrenziali. Ciò assicura ai terreni sottostanti di “respirare” e alle falde di rigenerarsi.

Ma non tutti i masselli autobloccanti sono uguali.

La prima caratteristica cui far caso nello scegliere il fornitore giusto è la qualità costruttiva: la presenza di evidenti micro-fessurazioni sugli strati superficiali li rende poco apprezzabili dal punto di vista estetico.

Per cui occorre sempre verificare che:

  1. lo strato superficiale presenti caratteristiche di uniformità,
  2. siano adatte a resistere a sollecitazioni longitudinali e trasversali,
  3. siano resistenti all’abrasione e allo scivolamento.

La documentazione tecnica a corredo e la presenza di verbali continui di controllo effettuati in laboratorio può aiutare a fare la scelta corretta.

La seconda caratteristica concerne la qualità strutturale.
Masselli prodotti con criteri poco nobili rischiano di frantumarsi in fase di posa in opera, con gravi ripercussioni in termini di sfrido e sprechi e conseguenti sovraccarichi di costi per chi li acquista.

Ci sono inoltre aziende che propongono masselli di buona finitura ma che non possiedono adeguate caratteristiche strutturali in quanto sono realizzati con materiali a bassa densità, il che li espone a lesioni evidenti nel tempo.

Occorre quindi saperne analizzare i requisiti prestazionali quali:

  • resistenza meccanica a flessione e compressione, necessarie per sopportare i carichi concentrati e le vibrazioni prodotte dalle auto;
  • resistenza ai cicli di gelo e disgelo, perché i cristalli di ghiaccio che si formano all’interno delle cavità con l’abbassamento delle temperature possono creare spaccature o fenomeni di scagliatura, esfoliazione o disgregazione;
  • resistenza all’esposizione ai raggi ultravioletti;
  • resistenza alla salsedine, fondamentale soprattutto se la tua casa si trova in zona costiera;
  • resistenza allo scivolamento, al fine di ridurre al minimo il rischio di caduta.

Una buona pavimentazione da esterno possiede dunque almeno la maggior parte delle caratteristiche su-elencate e risultare resistente, esteticamente bella e durevole nel tempo.

Infine, la terza caratteristica da non sottovalutare è il sistema con cui viene eseguita la pavimentazione: la posa in opera.

Alla base di una perfetta posa in opera dei masselli autobloccanti, ci deve essere una corretta progettazione dell’intervento che deve tener conto di almeno quattro fattori:

  1. Consistenza e caratteristiche geologiche del terreno;
  2. Destinazione d’uso;
  3. Caratteristiche dei masselli scelti;
  4. Schema di posa desiderato.

Fasi operative fondamentali della posa in opera degli autobloccanti

Particolare attenzione va posta alla preparazione del sottofondo, proprio come nel caso della fondazione di un edificio che deve essere differente a seconda della struttura di cui sarà caratterizzato.
Il sottofondo viene realizzato mediate il riporto di posa di materiali inerti opportunamente costipati a mezzo rullatura.
Il suo spessore sarà tanto maggiore quanto più instabile è il terreno. In media si calcolano circa 25-30 cm di materiali costipati. 
Le pendenze vanno create in questa fase.
Questo tipo di sottofondo sostituisce il tipico piano di posa in calcestruzzo armato con rete elettrosaldata e, a differenza di quest’ultimo, favorisce il drenaggio delle acque. Tuttavia, in casi estremi, lì dove il terreno è particolarmente cedevole o instabile, potrebbe essere più opportuno procedere con il metodo tradizionale.

Il passaggio successivo consiste nello stendere uno strato di almeno 4-5 cm di sabbia di fiume al di sopra della posa di uno speciale geotessuto (tessuto non tessuto) permeabile.
Il geotessuto serve a rendere il pacchetto di pavimentazione ancora più resistente alle sollecitazioni, evitando eventuali cedimenti dovuti ad eventi metereologici estremi.
Al di sopra dello strato di sabbia di allettamento, possono essere posati i masselli autobloccanti che vengono sistemati e definitivamente “bloccati” tra loro per mezzo dei caratteristici distanziali di cui sono dotati.

L’ultima fase consiste nel passaggio di una piastra vibrante, cui seguirà lo spargimento di sabbia di sigillatura a gralunometria molto fine che consentirà l’ottimale intasamento delle fughe.
Nella nostra azienda è presente un nutrito staff di tecnici pronti a fornire la necessaria consulenza per affiancarti nella corretta progettazione del piano di posa.

Quindi la domanda resta: Qual è il pavimento per esterno più economico e quindi quello più capace di rimanere bello e funzionale come il primo giorno? 

La soluzione come sempre è nella corretta informazione.

Per questo ho messo a punto una speciale Guida che ti aiuterà passo dopo passo a fare scelte consapevoli.  Lo scopo dunque è fornire le risposte ai tanti dubbi, con semplicità e soprattutto con chiarezza espositiva

Cosa comprende la Guida?

Comprende le risposte alle domande più ricorrenti ovvero:

  1. Quali sono i principali tipi di pavimenti
  2. Quali sono le caratteristiche principali che dovrai imparare
  3. Quali errori dovrai evitare
  4. Quali sono gli aspetti principali della posa in opera
    E tanto altro ancora.

Avrei potuto mettere in vendita questa guida, ma preferisco regalarla affinché tu sia più informato e consapevole.

Per ottenerla, ti basterà rispondere ad un breve questionario.

Clicca sul seguente link per richiederla GRATIS: https://www.vibrotek.it/catalogo-inviato/

Meglio pavimento in resina o masselli autobloccanti?

Ecco un’analisi completa per decidere se sia più conveniente un pavimento in resina o masselli autobloccanti per l’esterno di ville e piazzali

Scegliere di pavimentare i piazzali con pavimento in resina o masselli autobloccanti è tra le domande più ricorrenti per chi deve rifare il look agli esterni della propria villa.

Convenzienza ed estetica sono solo alcuni degli elementi da prendere in considerazione.

Ne va del risultato finale anche dopo molti anni dalla posa della prima pietra.

Finora abbiamo imparato che i masselli autobloccanti sono quelli più resistenti tra tutti, ma è giusto chiederci se siano la soluzione migliore anche per altri aspetti.

Iniziamo dal fattore estetico.

Nel caso dei masselli autobloccanti, le tipiche combinazioni di posa soddisfano qualsiasi espressione di creatività, personalizzando gusti e design..

Il pavimento in resina richiama moltissimo il design degli autobloccanti, ma con molti limiti dovuti alla disponibilità degli stampi.

Mi spiego meglio: gli autobloccanti ricordano i famosi mattoncini Lego, per cui sono facilmente componibili secondo fantasia. Il pavimento in resina invece consiste in una colatura di materiale simil plastico la cui forma viene definita da appositi stampi che ne definiscono finitura e finte fughe.

Il risultato finale è molto più autentico nel caso degli autobloccanti. In quell’altro, risulterà più artefatto o finto.

Per cui, il confronto tra pavimento in resina e masselli autobloccanti vede questi ultimi le scelta vincente.

Convenienza economica

Premesso che entrambi possono essere impiegati per la realizzazione di piazzali, i masselli hanno diversi punti in più a favore.

Infatti, mentre una pavimentazione in resina ha bisogno che venga realizzato un massetto in cemento, gli autobloccanti si installano per semplice accostamento su un letto di sabbia.

 

Il costo del pavimento in resina è molto alto soprattutto in relazione alla quantità di manodopera e di materiali chimici da impiegare.

Al contrario, gli autobloccanti si montano con facilità e in modo naturale.

Entrambi permettono di raggiungere prestazioni inarrivabili con altre soluzioni dal punto di vista della resistenza. Per questo, vengono impiegati con successo per sopportare carichi e sollecitazioni molto intense, come il passaggio di veicoli leggeri o pesanti.

Differenze di posa tra pavimenti in resina e masselli autobloccanti

L’installazione del pavimento in resina prevede la creazione di un massetto in calcestruzzo con rete elettrosaldata, altrimenti non riuscirebbe a sopportare le spinte delle forze-peso soprastanti e i possibili movimenti sottostanti del suolo.

Quindi in tal caso occorrerebbe realizzare uno strato di circa 12 / 15 cm., il cosiddetto “magrone”, in cemento con una rete elettrosaldata che funge da armatura all’interno. Successivamente, viene colata la resina epossidica, un materiale liquido essenzialmente di matrice chimica destinato ad essiccarsi e a indursi dopo qualche ora. Prima che indurisca, la resina viene schiacciata con degli stampi che ne conferiscono forma e design ideale. 

La posa in opera dei masselli autobloccanti invece è molto più semplice, eco compatibile ed economica.

Avviene tramite stesura di uno strato di 6/8 cm di sabbia silicea e successivo accostamento dei blocchetti. Il lavoro viene completato mediante la sigillatura dei giunti (sempre con sabbia) e successiva vibro-compattazione.

A questo punto, la pavimentazione è immediatamente fruibile.

Ne ho parlato approfonditamente qui: https://www.vibrotek.it/posa-masselli-autobloccanti/

Richiedi la Guida Gratuita alla scelta dei pavimenti esterni

L’obiettivo della Guida è guidarti nell’acquisto migliore possibile, descrivendo in maniera semplice e lineare le principali caratteristiche delle pavimentazioni, sperando di chiarirne aspetti poco noti.

L’intento è guidarti nella comprensione dei preventivi che riceverai, aiutandoti a comprendere ciò di cui hai realmente bisogno.

La Guida si sofferma particolarmente sul concetto di corretta posa in opera, argomento cruciale per tanti.

Clicca sul seguente link per scaricare GRATIS la guida: www.vibrotek.it/guida-alla-scelta-dei-pavimenti-esterni/

Vuoi saperne di più?

Clicca sul seguente link per scaricare GRATIS la guida: www.vibrotek.it/guida-alla-scelta-dei-pavimenti-esterni/

guida alla scelta dei migliori masselli autobloccanti

Guida alla scelta dei pavimenti esterni: RICHIEDILA GRATIS

Finalmente la 1° Guida alla scelta dei pavimenti esterni per valorizzare i tuoi spazi esterni. Richiedila gratis!

La scelta di un pavimento esterno rappresenta una traguardo importante nella progettualità della propria casa.

È una di quelle scelte che vengono fatte solitamente una volta sola nella vita.

Immagino tu sia alla ricerca di tutte le informazioni possibili nel minor tempo possibile, a causa di impegni lavorativi e di famiglia.

Magari hai anche chiesto in giro il parere di amici o sei andato alla ricerca di recensioni qua e là.
Ma sono sicuro che stai assistendo a pareri spesso discordanti dato ognuno vede le cose a proprio modo. E ti sei accorto che molte delle recensioni lette “puzzano di truffa”, perché magari non sono veritiere.

Le domande che ti sei posto sono tante:

  • quale pavimento scegliere?
  • qual è quello più resistente?
  • E per la manutenzione?
  • Quali garanzie?
  • La posa in opera a chi la affido? In quali problematiche posso imbattermi?
  • Quale materiale è più indicato per lo stile della mia casa?

Tutte domande legittime che meritano una risposta concreta.

E’ per questo che ho dato vita ad una Guida alla scelta dei pavimenti esterni.

Intendo dare una serie di risposte ai tanti dubbi, con semplicità e soprattutto con chiarezza espositiva.

L’obiettivo della Guida (completamente gratuita) è guidarti nell’acquisto, descrivendo in maniera semplice e lineare le principali caratteristiche, sperando di chiarirne aspetti poco noti.

Desidero guidarti nella comprensione dei preventivi che riceverai, aiutandoti a comprendere ciò di cui hai realmente bisogno.

Inoltre mi soffermerò particolarmente sul concetto di corretta posa in opera del pavimento scelto.

Intendo diffondere le migliori pratiche di posa, nel tentativo di qualificare un processo che attualmente non è normato, nonostante ormai tutti offrano posa a regola d’arte.

Cosa comprende la Guida?

Comprende le risposte alle domande più ricorrenti ovvero:

  1. Quali sono i principali tipi di pavimenti
  2. Quali sono le caratteristiche principali che dovrai imparare
  3. Quali errori dovrai evitare
  4. Quali sono gli aspetti principali della posa in opera
    E tanto altro ancora.

Avrei potuto mettere in vendita questa guida, ma preferisco regalarla affinché tu sia più informato e consapevole.

Per ottenerla, ti basterà rispondere ad un breve questionario.

Clicca sul seguente link per richiederla GRATIS: www.vibrotek.it/vibrotek-quiz-pavimentazione/

guida alla scelta dei migliori masselli autobloccanti

I migliori masselli autobloccanti? Scarica la guida gratuita

Se non hai le idee chiare su quale siano i migliori masselli autobloccanti per valorizzare i tuoi spazi esterni, ecco la guida gratuita che fa per te. Richiedila subito!

I migliori masselli autobloccanti in commercio li puoi riconoscere con facilità, se sei un esperto del settore.
Occorre attenzione, tanta circospezione e capacità di andare oltre le apparenze.

Ovunque andrai, troverai masselli autobloccanti che si somigliano più che altro nella forma. Nella sostanza invece sono molto differenti.

Ma andiamo per gradi e vediamo in cosa differiscono.

Differenze di finiture

Tanto per cominciare, la prima cosa che noti è la diversa qualità delle finiture: colori e superfici uniformi, prive di micro-fessurazioni o scabrosità, sono indice di una manifattura che utilizza solo materie prime di qualità e processi lenti, minuziosamente controllati in ogni fase.

Differenze tecniche

L’altro fattore distintivo è dato dalle caratteristiche tecniche di resistenza, durabilità e di assorbimento d’acqua.
Infine, un altro aspetto determinante è la facilità di montaggio.

Lascia che ti faccia una premessa: i masselli autobloccanti sono speciali pavimenti per esterno che si posano a secco, senza che siano necessarie malte cementizie o colle chimiche.

Ce ne sono di tutti i tipi, in funzione di ogni destinazione d’uso.

I migliori si distinguono per qualità delle finiture, caratteristiche tecniche di resistenza, durabilità e facilità di montaggio.

Ma al di là del fattore estetico, facilmente valutabile anche dai meno esperti, ci sono una serie di aspetti tecnici da tenere in considerazione.

Tutto inizia da una considerazione: mono-strato o doppio-strato?

I masselli prodotti con tecnologia “doppio-strato”si ottengono dalla sovrapposizione di due strati vibro-compressi di calcestruzzo composti da cementi e inerti selezionati.

Lo strato superiore si caratterizza per l’utilizzo di una miscela a base di quarzi selezionatissimi, in grado di conferire al massello una maggiore resistenza all’abrasione.

Le elevate prestazioni di tale finitura garantiscono maggior brillantezza dei colori nel tempo.

I masselli “monostrato” sono prodotti con tecnologia obsoleta che non assicura finiture e prestazioni di eccellenza.

Differenze di valutazione

Per essere considerati di qualità, i masselli autobloccanti vanno valutati secondo anche i seguenti criteri fondamentali:

  • resistenza meccanica;
  • reazione agli sbalzi termici, all’abrasione e allo scivolamento;
  • capacità di mantenere inalterate determinate caratteristiche per decine e decine di anni.

Come puoi intuire, non si tratta di una scelta da fare soltanto in base al prezzo o all’aspetto estetico. Prima di procedere con l’acquisto, ti consiglio di leggere questa guida fino in fondo.

Un acquisto superficiale corrisponde inevitabilmente a conseguenze spiacevoli.

Ma andiamo per gradi.

Per prima cosa, occorre ponderare il tipo di destinazione d’uso: la pavimentazione di un piazzale industriale o commerciale ha esigenze differenti rispetto a quelle del giardino di una villa.

Di base, però, se intendi percorrere il vialetto con un’auto o uno scooter, privilegia masselli autobloccanti ad alta resistenza per non correre il rischio di dover rifare i lavori nell’arco di pochi anni. Soltanto dopo aver fatto tutte queste valutazioni puoi quindi pensare all’estetica e scegliere forme e colori in perfetta armonia con la tua casa.

Ma entriamo più nel dettaglio e impariamo a distinguere questo tipo di pavimenti in base al tipo di resistenza:

Resistenza al calpestio

La resistenza al calpestio e all’usura dello strato superficiale è una delle informazioni più importanti da verificare al momento dell’acquisto.

Resistenza all’abrasione

Scegli un pavimento che ti garantisca sicurezza, così da evitare il rischio di cadute quando è bagnato. La caratteristica di antiscivolo è certificata con la classificazione prevista dalla norma DIN 51130 per il calpestio a piedi calzati. Si misura con classi di scivolosità consigliate in base all’ambiente e all’utilizzo.

Resistenza al carico e alla trazione indiretta per taglio

Per le zone in cui c’è passaggio di automobili, scegli un materiale carrabile e con alta resistenza ai carichi e alla trazione indiretta per taglio. I valori indicati dai test di laboratorio devono essere tali da garantire la sopportazione di stress considerevoli. La resistenza deve essere rispettivamente maggiore o uguale a 250 N/mm e 3,60 Mpa.

Maggiori sono i pesi dei veicoli che dovranno transitare sulla pavimentazione e tanto più elevati dovranno essere questi valori.

Non meno importante è la valutazione del grado di assorbimento d’acqua che non deve mai essere inferiore al 6%, altrimenti meglio lasciar perdere se non vuoi andare incontro a lesioni e rotture impreviste.

I più resistenti

Se sei una persona che pretende il massimo e che punta sempre al meglio, ecco il consiglio più importante: scegli masselli autobloccanti dotati di finitura Microtech, perché ti garantiscono il massimo della resistenza possibile attualmente disponibile sul mercato.

La speciale miscela con finitura Microtech è prodotta con pregiate micro-sabbie a granulometria regolare. Tali peculiarità eliminano alla radice qualsiasi problema di scabrosità (effetto sgretolamento), microfessurazioni superficiali, disomogeneità della superfice di usura.

I nostri masselli autobloccanti sono dotati di finitura Microtech.

I valori di resistenza dei nostri pavimenti sono infatti nettamente superiori persino a quelli richiesti dalle norme UNI EN 1338 (che ti ho indicato nel paragrafo precedente).

Proteggi i tuoi beni, scegliendo la pavimentazione giusta.

Da dove iniziare per scegliere la pavimentazione drenante adatta alle proprie esigenze?

La prima cosa da fare è richiedere GRATIS la nostra speciale guida! Troverai la descrizione dettagliata di ciò che  che devi sapere sulla scelta dei nuovi pavimenti per esterno.

L’ obiettivo principale è guidarti nell’acquisto dei pavimenti, descrivendo in maniera semplice e lineare le principali caratteristiche, sperando di chiarirne aspetti poco noti, guidarti nella comprensione dei preventivi che riceverai, aiutandoti a comprendere, e di conseguenza richiedere, ciò di cui hai realmente bisogno.

Inoltre mi soffermerò particolarmente sul concetto di corretta posa in opera del pavimento scelto.

Clicca sul seguente link per richiedere la nostra guida GRATIS: www.vibrotek.it/vibrotek-quiz-pavimentazione/

guida alla scelta dei migliori masselli autobloccanti

Pavimentazioni drenanti carrabili: 4 ragioni per sceglierle

Le pavimentazioni drenanti carrabili sono la soluzione al problema crescente degli allagamenti per via dei cambiamenti climatici

I cambiamenti climatici in corso ci impongono l’obbligo di rivedere i criteri di progettazione di strade, case e città. In quest’ottica, le pavimentazioni drenanti carrabili rispondono alle esigenze crescenti di tutelare il territorio sia da un punto di vista degli equilibri geologici che ambientale.

Si parla sempre più di sostenibilità ambientale, ma di concreto si è fatto ancora poco. Prima ancora dei grandi investimenti strutturali, occorre ripartire dalle problematiche di ogni giorno, come il caso dei via via più frequenti casi di allagamenti di contesti sia pubblici che privati.

Occorre ripartire dal ripensamento delle aree stradali commerciali, industriali, cittadine e private. La maggior parte di queste è costituita da ampi spazi asfaltati, impermeabili, prive di zona d’ombre.

La controtendenza è quindi dar vita a spazi permeabili, traspiranti, utili a determinare un microclima confortevole. Obiettivi raggiungibili essenzialmente attraverso la scelta di due componenti:

  • la pavimentazione
  • e la vegetazione.

La prima deve consentire all’acqua piovana di tornare in falda, evitando gli accumuli sui piani stradali. La seconda può contribuire alla mitigazione del caldo asfissiante e all’ossigenazione delle aree trafficate.

Il ruolo della pavimentazione è da considerarsi primario in quest’ottica, persino in un quadro di miglioramento estetico.

Quali soluzioni per la riprogettazione

Dal canto nostro, abbiamo deciso di contribuire concretamente al processo di riprogettazione delle strade. Abbiamo messo a punto 3 soluzioni, tutte carrabili:

  1. Garden Block: annoverato tra le tradizionali pavimentazioni inerbanti, è lo speciale massello drenante pensato per dar vita a superfici carrabili verdi. Le sue caratteristiche dimensionali e progettuali, infatti, consentono di creare pavimenti erbosi e resistenti ai carichi sia leggeri sia pesanti.
  2. Drenotek: E’ il massello drenante progettato per resistere a carichi elevati, quindi particolarmente adatto per la pavimentazione di aree soggette a traffico veicolare pesante. E’ apprezzato per la sua resistenza, per la scarsa manutenzione richiesta e per la possibilità di essere posato con un sistema meccanico che riduce i costi di esecuzione del lavoro.
  3. Drena System: E’  il massello che abbina la bellezza estetica alla funzionalità di una pavimentazione drenate al 100%. Grazie all’ampia selezione di formati e colorazioni diverse valorizza e si adatta a qualsiasi ambiente architettonico. Le sue prestazioni sono ai vertici in fatto di deflusso delle acque grazie alla particolare miscela filtrante con cui è prodotto. La sua speciale finitura al quarzo sferoidale lo rende particolarmente resistente all’abrasione, quindi adatto anche in contesti in cui sia previsto un flusso veicolare leggero.

Le 3 soluzioni possono coesistere, alternando un grigliato erboso ad un’altra pavimentazione drenante?

Assolutamente si, la posa di elementi grigliati può essere abbinata senza problemi alle pavimentazioni filtranti.

Entrambe si posano interamente a secco e con il medesimo inerte di sottofondo ed allettamento.

Tutte concorrono al naturale passaggio dell’acqua piovana utile anche alla crescita vegetativa. Chiaramente, in fase progettuale la scelta della vegetazione deve essere indirizzata verso specie che non abbiano un apparato radicale molto invadente (come le conifere).

Vantaggi delle pavimentazioni carrabili drenanti

pavimentazioni drenanti

Per comodità espositiva, li ho sintetizzati in quattro punti.

Il primo è dato dalla concreta alternativa all’asfalto, elemento purtroppo molto inquinante sia per l’aria (in fase di posa) che per il terreno e l’acqua, a causa della composizione prevalente di idrocarburi. I drenanti sono elementi carrabili, in quanto resistenti ad ogni tipo di sollecitazione.

Il secondo è costituito dalla possibilità di rendere ampie superfici stradali adatte allo scorrimento di mezzi leggeri e pesanti, senza impermeabilizzarle.

Quindi è possibile pavimentare sia parcheggi che interi tratti stradali urbani e contribuire drasticamente alla riduzione del fenomeno degli allagamenti.

Il terzo vantaggio è dato dall’eco-sostenibilità dell’intervento, in quanto la posa dei drenanti è a secco. Quindi non richiede l’impiego di malte cementizie o colle chimiche.

Ad oggi le nostre città sono invase da cemento e asfalto. Ciò determina l’impossibilità ai terreni di assorbire le precipitazioni atmosferiche e alle falde acquifere di rigenerarsi. I drenanti costituiscono per questo un pavimento del futuro.

Il quarto vantaggio è dato dalla ridotta manutenzione richiesta nel tempo.

Ciò ne fa un materiale altamente resistente, il cui costo si riduce proporzionalmente con il trascorrere del tempo.

Posa in opera dei drenanti

L’aspetto più cruciale della posa in opera è la preparazione del sottofondo. Se fatta con criterio, la pavimentazione non rischierà cedimenti o lesioni.

Deve essere adeguata alla tipologia del terreno, alle condizioni climatiche e all’intensità dei carichi.

La progettazione del sottofondo deve tener conto della realizzazione dello strato permeabile, prevalentemente costituito da pietrisco e di circa 5/7 cm di spessore. Questo strato va aumentato in caso di aree molto piovose o caratterizzate da terreni pesanti con forti ristagni d’acqua.

Si procede poi con lo strato di allettamento di posa, costituito da sabbia silicea.

Il passo successivo è la posa dei pavimenti drenanti. Se hai scelto quelli inerbanti, la posa continua con il riempimento e la semina. Il substrato di coltivo (che accoglierà le sementi) è composto da una miscela di sabbia silicea, terreno vegetale, torba, il tutto arricchito con concime a lenta cessione.

Raccomando di saturare parzialmente le cellette rimanendo al di sotto di circa 1 cm dal bordo superiore della pavimentazione. Ed infine la semina che deve essere selezionata in base al tipo idoneo al calpestio.

Manutenzione delle pavimentazioni

In caso di pavimenti inerbanti, il piano di manutenzione è identico a quello delle tradizionali aree verdi come prati o affini.

Tra gli interventi previsti, occorre procedere sistematicamente con irrigazione, concimazione e taglio.

Raccomando inoltre non compattare eccessivamente il terreno, ma di mantenerlo sempre soffice. Ciò al fine di evitare una riduzione della superficie drenante.

Quanto costano?

Per darti un’idea precisa del suo costo, occorre valutare il tipo di intervento e di destinazione d’uso.

Quindi ho bisogno di affidarti ai miei consulenti tecnici che, gratuitamente e senza impegno, ti guideranno nelle scelte più appropriate in funzione dei risultati desiderati in chiave sia estetica che funzionale.

Inoltre la scelta tra finiture, colori e dimensioni è talmente vasta che richiede un’attenta ponderazione.

Per questo, ho messo a punto un Kit di documentazione gratuito che ti aiuterà a prendere decisioni più consapevoli.

Ma non mi bastava!

Ho voluto fare di più per regalarti un’esperienza davvero soddisfacente e al di sopra di ogni aspettativa.

Perciò ho messo a punto un’offerta irripetibile che sono sicuro apprezzerai.

Clicca sul seguente link per accedere all’offerta ==> https://www.vibrotek.it/contattaci/

Pavimenti per esterni carrabili in pietra: ecco quelli super resistenti

I Pavimenti per esterni carrabili in pietra non sono tutti uguali: alcuni sono costosi, altri delicati. Quali scegliere per la tua villa o giardino?

Sei in cerca di pavimenti per esterni carrabili in pietra e vuoi sapere quali sono quelli più resistenti ed eco-sostenibili?

La risposta si chiama Grand Pavè.

Ma prima, ci tengo a fare una piccola premessa.

I tradizionali pavimenti in pietra sono belli ma delicati. E converrai con me che spesso hanno un costo non indifferente.

Ti dirò di più: l’idea di dover spendere un sacco di soldi per un pavimento destinato a rovinarsi non piace a nessuno.

E se come me, hai una villa e vuoi entrarci con l’auto, il pavimento dev’essere all’altezza della situazione.

Siamo tutti d’accordo infatti che la pietra locale conferisce fascino ed eleganza, ma come la mettiamo con la resistenza?

Sarebbe un vero peccato ritrovarsi con un pavimento compromesso dopo i primi passaggi con l’auto nel viale.

In tal senso, i pavimenti per esterni carrabili in pietra ci vengono in auto offrendoci una via d’uscita e una soluzione concreta.

Già ma quanto ti costa?

Un patrimonio, oserei dire.

Inoltre, sarai sempre soggetto anche ai capricci dei rivenditori che praticheranno prezzi improponibili, con la scusa della scarsa reperibilità dei materiali.

E che dire dei posatori?

Non vorrai certo affidare la posa in opera di un pavimento del genere a gente improvvisata o a operai generici…

Ok Massimo, ma la soluzione allora qual è?

Sono 30 anni che produco pavimenti e, credimi, di tutte le problematiche che ti ho elencato ne ho fatto la mia missione di vita.

Come ti dicevo, anch’io ho una villa, quindi conosco bene la questione da tutti i punti di vista.

Anzi, nel mio caso, le auto che devono passarci sopra ogni giorno sono 3 e più volte al giorno.

E’ stata proprio questa esigenza che, tempo fa, mi ha fatto scattare la molla, costringendomi ad impegnarmi interamente sulla questione.

E dopo innumerevoli test e prove di laboratorio, sono riuscito a mettere a punto la soluzione giusta.

L’ho chiamata Grand Pavè, in onore dei grandi sforzi produttivi che ho dedicato a questo progetto.

Gran Pavè, l’alternativa conveniente, pregevole e ultra resistente alla pietra naturale

grand pavé

Sono speciali masselli autobloccanti effetto pietra, ma più resistenti, duraturo e convenienti. Infatti, assicurano:

  1. una resistenza 10 volte maggiore;
  2. estetica impareggiabile;
  3. soluzioni convenienti e durature per valorizzare ville e giardini.
  4. prezzi molto più convenienti;
  5. posa in opera vigilata da tecnici specializzati

Perché sono più convenienti dei tradizionali pavimenti per esterno in pietra?

Pavimenti per esterni carrabili in pietra

Il primo motivo risiede nella sua impareggiabile resistenza.

Ha le stesse sembianze della pietra, ma si presta ad essere usato senza limiti.

Quindi non avrai paura di rovinarlo, anche se ci passi sopra con l’auto anche più volte al giorno per tanti anni.

Inoltre costa meno e non richiede alcun tipo di manutenzione, fatta eccezione la pulizia ordinaria.

Un bel vantaggio, non credi?

Inoltre è anche eco-sostenibile.

La sua posa in opera non richiede infatti malte, colle chimiche né massetti cementizi,

L’installazione di Grand Pavè avviene completamente a secco, mediante sabbia di origine alluvionale e semplice accostamento dei singoli masselli. Il metodo di posa è esattamente quello degli antichi romani.

Per questo dura di più!

Quanto costa Grand Pavè?

Per darti un’idea precisa del suo costo, occorre valutare il tipo di intervento e di destinazione d’uso.

Quindi ho bisogno di affidarti ai miei consulenti tecnici che, gratuitamente e senza impegno, ti guideranno nelle scelte più appropriate in funzione dei risultati desiderati in chiave sia estetica che funzionale.

Inoltre la scelta tra finiture, colori e dimensioni è talmente vasta che richiede un’attenta ponderazione.

Per questo, ho messo a punto un Kit di documentazione gratuito che ti aiuterà a prendere decisioni più consapevoli.

Ma non mi bastava!

Ho voluto fare di più per regalarti un’esperienza davvero soddisfacente e al di sopra di ogni aspettativa.

Perciò ho messo a punto un’offerta irripetibile che sono sicuro apprezzerai.

Clicca sul seguente link per accedere all’offerta ==> https://www.vibrotek.it/proposta-grand-pave/

Pavimenti per esterni in pietra: ecco l’alternativa 100% ecosostenibile

I pavimenti per esterno in pietra sono una soluzione raffinata ed elegante per ville e giardini, ma anche delicata e costosa: ecco dunque l’alternativa davvero conveniente, esteticamente gradevole ed anche 10 volte più resistente

Quando si parla di pavimenti per esterno in pietra per ville e giardini, siamo tutti concordi sul loro indubbio pregio estetico.

Il problema è che però sono tanto belli quanto delicati.

Inoltre hanno un costo notevole. Anzi, a volte l’impegno economico richiesto per l’acquisto fa a cazzotti con necessità di natura pratica, come il bisogno di passarci sopra con l’auto senza rovinarlo.

Non fa piacere a nessuno comprare qualcosa di bello ed essere costretto a non poterlo usare per non intaccarne le qualità estetiche o cromatiche.

Ma i pavimenti per esterno in pietra sono una tradizione nella mia Puglia, così ho investito lunghi anni per studiare una soluzione che unisse l’utile al dilettevole.

Il mio obiettivo è stato quello di produrre un pavimento paragonabile alla pietra dal punto di vista della pregevolezza, ma con diversi vantaggi in più..

Così ho ideato Grand Pavè, speciali masselli autobloccanti effetto pietra che assicurano:

  1. una resistenza 10 volte maggiore;
  2. estetica impareggiabile;
  3. soluzioni convenienti e durature per valorizzare ville e giardini.

Gran Pavè, l’alternativa conveniente, pregevole e ultra resistente alla pietra naturale

grand pavé

Anni di studi e ricerche mi hanno portato ad approfondire gli aspetti sia estetici che tecnici della pietra.

E’ da 30 che sono specializzato nella produzione di masselli autobloccanti ultra resistenti.

Quindi non ho fatto nient’altro che mettere a disposizione dei miei clienti il valore aggiunto di questo incredibile patrimonio di conoscenze ed esperienze.

In più, la mia missione è stata sempre quella di unire il valore estetico alla resistenza tipica dei miei pavimenti.

 

Così è nato Grand Pavè!

E’ lo speciale massello autobloccante effetto pietra, ma più resistente, duraturo e conveniente.

Perché dovresti preferire Grand Pavè al posto dei tradizionali pavimenti per esterno in pietra?

Pavimenti per esterni in pietra

Beh, i motivi sarebbero tanti.

Il più importante di tutti credo sia il fattore convenienza abbinato a quello della durabilità.

Rispetto ai comuni pavimenti in commercio, Grand Pavè è economicamente una soluzione vantaggiosa e pratica.

Ha le stesse sembianze della pietra, ma si presta ad essere usato senza limiti.

Quindi non avrai paura di rovinarlo,  se ci passi sopra con l’auto anche più volte al giorno per tanti anni.

Inoltre costa meno e non richiede alcun tipo di manutenzione, fatta eccezionale la pulizia ordinaria.

Un bel vantaggio, non credi?

Inoltre è anche eco-sostenibile.

La sua posa in opera non richiede infatti malte, colle chimiche né massetti cementizi,

L’installazione di Grand Pavè avviene completamente a secco, mediante sabbia di origine alluvionale e semplice accostamento dei singoli masselli. Il metodo di posa è esattamente quello degli antichi romani.

Per questo dura di più!

Quanto costa Grand Pavè?

Per darti un’idea precisa del suo costo, occorre valutare il tipo di intervento e di destinazione d’uso.

Quindi ho bisogno di affidarti ai miei consulenti tecnici che, gratuitamente e senza impegno, ti guideranno nelle scelte più appropriate in funzione dei risultati desiderati in chiave sia estetica che funzionale.

Inoltre la scelta tra finiture, colori e dimensioni è talmente vasta che richiede un’attenta ponderazione.

Per questo, ho messo a punto un Kit di documentazione gratuito che ti aiuterà a prendere decisioni più consapevoli.

Ma non mi bastava!

Ho voluto fare di più per regalarti un’esperienza davvero soddisfacente e al di sopra di ogni aspettativa.

Perciò ho messo a punto un’offerta irripetibile che sono sicuro apprezzerai.

Clicca sul seguente link per accedere all’offerta ==> https://www.vibrotek.it/proposta-grand-pave/

Pavimentazione giardino: ecco la migliore alternativa alla pietra locale

Desideri una soluzione esclusiva per la pavimentazione del tuo giardino, più economica della pietra naturale e anche eco sostenibile? Ho quel che fa per te

Quando si parla di pavimentazione giardino, viene quasi sempre in mente la pietra, uno dei rivestimenti più apprezzati sia in Italia che all’estero.

Porfido, pietra di Trani, pietra di Trani, arenaria, travertino, granito erano fino a qualche tempo fa le pietre più richieste.

Ma c’è un MA.

Chi desidera finiture raffinate ed eleganti sceglie solitamente la pietra. Purtroppo però quest’elemento è tanto bello quanto delicato, soprattutto se hai necessità di passarci sopra con l’auto.

Nel 90% dei casi di pavimentazione giardino infatti, uno degli aspetti prioritari è proprio quello della carrabilità.

Ed è per questo che è opportuno prediligere pavimenti resistenti, e non solo esteticamente affascinanti.

Gran Pavè, l’alternativa ultra resistente alla pietra naturale

Pavimentazioni da giardino

Anni di studi e ricerche mi hanno portato ad approfondire gli aspetti sia estetici che tecnici della pietra, soprattutto in relazione ai numerosi clienti che mi chiedevano una soluzione pratica per la propria villa.

La domanda che mi veniva rivolta era sempre la stessa: come posso fare per non rinunciare al sogno di una pavimentazione giardino elegante visto che sono costretto a passarci sopra con l’auto?

Dopo qualche anno di ricerche e sperimentazioni, sono giunto ad una conclusione: dovevo realizzare un massello autobloccante che avesse lo stesso volto della pietra.

Come sai infatti, sono specializzato nella produzione di masselli autobloccanti ultra resistenti. Quindi la prima risposta alla domanda dei miei clienti già ce l’avevo in mano,

Ora dovevo curare anche l’aspetto estetico.

Così è nato Grand Pavè, l’unica alternativa bella e resistente alla pietra naturale.

Sono riuscito finalmente a gratificare chi desiderava un pavimento raffinato e al tempo stesso carrabile.

Dunque, grazie al raffinamento delle tecniche di lavorazione, sono persino riuscito ad ottenere una soluzione eco sostenibile al 100%.

Desideri un pavimento esclusivo per il tuo giardino? Ti piacerebbe se fosse anche più conveniente della pietra tradizionale e 100% rispettoso dell’ambiente?

grand pavé

Ho una buona notizia per te.
Grand Pavè soddisfa tutte queste esigenze. Ed è a tutti gli effetti, la prestigiosa linea di pavimenti effetto pietra eco compatibili e ultra resistenti, pensata per te che vuoi distinguerti.

Scopri l’offerta che ti ho riservato e clicca sul seguente link ==> https://www.vibrotek.it/proposta-grand-pave/

Benfatto, il sistema integrato e completo per pavimenti perfetti

Improvvisazione, incompetenza e superficialità sono i nemici giurati della bellezza del tuo prossimo pavimento per esterno. Benfatto nasce per difenderti

Innanzitutto lascia che mi presenti: sono Massimo Di Giuseppe, amministratore di Vibrotek, da 30 anni specializzato in pavimentazioni ultra resistenti.

Da oltre 30 anni miglioro la qualità della vita nelle case dei pugliesi, con un sistema di pavimentazione esterna che assicura:

· bellezza inalterata nel tempo,

· valorizzazione del contesto abitativo,

· resistenza a qualunque sollecitazione.

Il mio sistema si chiama BENFATTO: è la soluzione perfetta per pavimentare corti, cortili e giardini grazie all’aiuto di uno staff di consulenti che ti farà risparmiare un sacco di soldi e di tempo.

Da dove  nasce l’esigenza del sistema Benfatto?

Tutto è partito da questa considerazione: anche le migliori pavimentazioni possono andare incontro a problemi.  

Qualunque sia il tipo di pavimento scelto, può dar vita a microfessurazioni, sbiaditure del colore e persino lesioni, cedimenti e rotture.

Lunghi anni di studi e ricerche mi hanno condotto ad una conclusione: il problema non è il pavimento in sé ma l’aver sottovalutato l’esigenza di una congrua progettazione in funzione della destinazione d’uso.

Anche il più resistente dei materiali può andare incontro a serie problematiche, se la progettazione non è corretta. 

L’atteggiamento dei comuni venditori

A dispetto di tutte le considerazioni di cui sopra, chi deve scegliere un pavimento per la propria casa non trova un vero consulente ad assisterlo.

Al posto di un consulenze tecnico, spesso ci si imbatte in un semplice venditore, il cui unico interesse è vendere quello che gli conviene di più.

Così, gli unici consigli ricevuti hanno avuto a che fare con discorsi tipo forme, dimensioni e finiture dei pavimenti, tralasciando gli aspetti fondamentali.

L’investimento necessario per l’acquisto dei pavimenti esterni è di solito piuttosto consistente. E’ quel tipo di spesa che si affronta poche volte nella vita. E devi considerare che un pavimento esterno si cambia al massimo una volta in tutta la vita, quindi meglio sceglierlo bene.

Grazie al mio sistema BENFATTO, riuscirai ad evitare come la peste gli improvvisati, i venditori disonesti e quei commercianti che hanno a cuore solo il tuo portafogli.

Questo perché è un sistema di informazione e di assistenza gratuito che ti mette nelle condizioni ideali di fare valutazioni appropriate, scelte e investimenti proficui.

Devi solo rilassarti e lasciarti consigliare.

Fattori di scelta del tipo di pavimento

Parto dalla considerazione secondo cui la scelta del miglior pavimento per esterni dipende da molteplici fattori.

I più influenti sono i seguenti:

  • economicità;
  • resistenza (pavimenti carrabili);
  • estetica;
  • effetto drenante e filtrante;
  • rispetto per l’ambiente.

Analizziamoli uno ad uno, a cominciare dal fattore economico, oggi sempre più imprescindibile, dati i tempi che viviamo.

Economicità

Se il tuo obiettivo è risparmiare il più possibile e non hai altre esigenze, almeno in questo posso concludere che un pavimento vale l’altro.

Quindi, puoi scegliere quello che ti pare.

Anzi, presso alcuni rivenditori e produttori, puoi addirittura trovare la cosiddetta “2° e 3° scelta”, cioè soluzioni con qualche difetto di produzione che vengono proposte a prezzi molto inferiori rispetto a quelli comunemente in commercio.

Resistenza

In questo caso dovrai propendere verso soluzioni adeguate.

Il transito di veicoli pesanti infatti può determinare un impatto negativo sulle finiture se vengono costantemente aggredite dalla pressione e dall’abrasione prodotta dagli pneumatici.

Cedimenti, nella micro-fessurazioni, perdita di colore son rischi concreti senza una scelta appropriata.

Nel caso dei masselli autobloccanti, i nostri consulenti ti consiglierebbero ad esempio l’utilizzo di tecnologia Microtech e l’adozione di un piano di posa in opera in linea con i carichi da sopportare.

Estetica

Qui la questione si semplifica molto perché dipende dai singoli gusti personali.

Ti suggerisco di dare un’occhiata ai nostri cataloghi del Gran Pavè, pavimenti molto raffinati che rievocano l’antica Pietra.

Attenzione però: la questione estetica va valutata anche alla luce di quanto sia in grado di resistere in maniera inalterata nel tempo. Un pavimento può infatti essere bello sempre o solo nei primi anni.

Anche in questo caso, i nostri consulenti sono pronti nel fornirti soluzioni adeguate a garantirti bellezza inalterata nel tempo.

Pavimento drenante o filtrante

Anche il miglior sistema di canalizzazione progettato per convogliare le acque meteoriche fuori dalla tua casa può rivelarsi inadeguato.

Meglio un drenante o un filtrante? Il tuo terreno è adatto allo scopo? Ci sono tutti gli elementi per scongiurare allagamenti in presenza delle cosiddette bombe d’acqua?

A queste e a tante altre domande risponde BENFATTO. I nostri consulenti individueranno per te la combinazione tecnica di soluzioni più adatti a raggiungere lo scopo desiderato.

Tipologie di pavimento per esterni presenti in commercio

Puoi scegliere tra mattoni in pietra, masselli autobloccanti, mattoni in cemento, in gres porcellanato. Analizziamoli uno ad uno, cominciando dai primi, i quali possono facilmente essere inseriti in un contesto rustico.

Presentano una buona resistenza ai carichi ma, se sottoposti al passaggio dei veicoli, perdono gran parte del proprio valore estetico.

Vengono posati mediante l’uso di malte. La posa in opera è costosa e, in caso di errori, è necessario procedere allo smantellamento totale con ulteriori oneri di smaltimento, di riacquisto e di ulteriore posa.

Il gres porcellanato è un materiale molto resistente alle abrasioni e agli agenti chimici. Rappresenta un costo elevato sia per l’acquisto che per la posa.

I comuni mattoni in cemento sono tra i più tradizionali ma rappresentano una delle scelte più invasive in chiave ambientale.

Non hanno elevate doti di resistenza. Inoltre, richiedono costi elevati in tutti i casi di rimozione per interventi ai sotto-servizi, in quanto vanno sostituiti integralmente. La posa in opera è costosa e richiede l’uso di malte cementizie.

I masselli autobloccanti invece sono l’unico tipo di pavimentazione che si posa a secco senza necessità di ricorrere a malte cementizie.

Il sistema di posa è veloce e agevole e presenta costi ridotti. In caso di errori di installazione, l’intera pavimentazione può essere facilmente recuperata senza sprechi né oneri per il riacquisto.

In caso di necessità di smantellamento per accesso ai sotto-servizi, possono essere sollevati dalla propria sede e riutilizzati e riposizionati facilmente e con costi molto ridotti.

Le pavimentazioni con masselli autobloccanti non necessitano di particolare manutenzione e possono svolgere anche funzione drenante, in grado cioè di evitare l’accumulo delle acque in caso di pioggia e scongiurare il fenomeno dell’impermeabilizzazione dei suoli.

E poi ancora, pur disponendo di raffinate finiture estetiche, spiccano per doti di resistenza ai carichi trasversali e longitudinali, per questo sono particolarmente adatti a pavimentare aree di qualsiasi tipo, sia per uso industriale che commerciale.

masselli autobloccanti
pavimentazione con masselli autobloccanti

Grand Pavè, il nuovo pavimento che rievoca l’antica pietra

Se hai sempre desiderato distinguerti con un tocco di raffinatezza ed esclusività in più, ho una buona notizia per te e la tua casa: Grand Pavè, la prestigiosa pavimentazione ultra resistente che rivoluziona gli spazi esterni delle case dei pugliesi che amano distinguersi

Dopo anni di impegno in ricerca e sviluppo, è arrivato il momento di condividere con te una grande novità in grado di rivoluzionare la tua casa con un tocco di esclusività e prestigio.

E’ nato Grand Pavè, la nuova linea di masselli autobloccanti che rievocano il fascino dell’antica pietra.

Per produrla utilizziamo inerti di qualità selezionatissima e uno speciale trattamento di burattatura che conferisce straordinario pregio estetico agli spazi esterni di ville, corti e cortili.

Potrai soddisfare la tua voglia di distinguerti con quel tocco di ricercatezza e raffinatezza in più che hai sempre cercato.

Grand Pavè è altamente personalizzabile con cinque diverse collezioni di forme e finiture che assicurano strabilianti risultati in termini di autenticità, design, resistenza e originalità.

La tecnologia Microtech applicata ad ogni massello della collezione rende questi pavimenti assolutamente perfetti sotto ogni punto di vista. Si caratterizzano così per l’eccezionale finitura e l’ultra resistenza ad ogni tipo di sollecitazione.

Grazie alle sue innumerevoli doti di eco-compatibilità, Grand Pavè contribuisce anche a migliorare la qualità della tua vita. Impedisce infatti la formazione di isole di calore e riduce il rischio idro-geologico indotto dai cambiamenti climatici.

Fidati, saranno tutti orgogliosi anche di te, quando e se deciderai di installarlo nel giardino della tua casa!
Da quel momento, la tua casa non sarà più la stessa, perché si sarà arricchita di ineguagliabile e maestosa unicità.

Il mio regalo per te

Per festeggiare questo momento con te, ho deciso di farti qualche regalo!

Ho deciso infatti di inaugurare la linea di pavimenti Grand Pavè con un’offerta irripetibile che ti consentirà di averlo a condizioni agevolatissime, ma solo se prenoti un appuntamento con me!

L’offerta comprende:

  • un incontro della durata di 1 ora con un tecnico specializzato al fine di studiare insieme le soluzioni specifiche per il tuo caso;
  • un manuale completamente gratuito contenente una guida completa progettazione e alla corretta installazione a seconda del tipo di sottofondo;
  • tutte le preziose indicazioni per individuare le migliori squadre di posa in opera;
  • sconti e agevolazioni incredibili.

Un’offerta che non puoi rifiutare: Grand Pavè a condizioni irripetibili!

Se deciderai di aderire a questa straordinaria offerta, potrai risparmiare fino al 15% sul valore complessivo dell’investimento, disporre della manualistica completa per la corretta progettazione e di un nostro tecnico che sarà a tua completa disposizione per fornirti assistenza post vendita.

Ma c’è di più!

Se deciderai di approfittare di questa offerta con una telefonata entro i prossimi 5 giorni, riceverai anche un ulteriore bonus del 25% per l’acquisto di materiali accessori, quali chiusini e geo tessuti.

Come avrai compreso, si tratta di una proposta incredibile!

Non rimane che approfittarne chiamando ora i numeri 0995921667 o 3929776460 oppure, se preferisci, utilizza il modulo di contatto che trovi qui.