Masselli autobloccanti permeabili per la villa comunale di Carosino

Più colore, più rispetto per l’ambiente e meno allagamenti grazie alla scelta di speciali masselli autobloccanti permeabili

In tempi di cambiamenti climatici, il Comune di Carosino ha deciso di puntare sull’eco-sostenibilità per la riqualificazione della sua villa comunale.

Ma non solo.

Giunti in azienda per una consulenza preliminare, i tecnici dell’ufficio tecnico comunale hanno scelto speciali masselli autobloccanti permeabili con superficie continua e alternanza di colore.

In particolare, la preferenza è ricaduta su modello Opus “a spigolo vivo”, finitura contemporanea e multi cromatica. Il risultato è una pavimentazione elegante e cromaticamente ordinata pur nella composizione mixata.

La posa è avvenuta su letto di sabbia di origine alluvionale.

Oltre alla questione ambientale, infatti, i tecnici del Comune hanno desiderato offrire alla collettività uno spazio in cui i bambini possano giocare in tutta sicurezza grazie alla finitura senza smusso.

In bici, sui pattini o semplicemente a piedi, la superficie della pavimentazione è praticamente continua e liscia, priva di irregolarità.

RISPONDI AL NOSTRO QUIZ TEST: CHE PAVIMENTO CERCHI?

L’aspetto più importante di tutti è la permeabilità che contribuisce a ridurre il fenomeno degli allagamenti e consentire il ritorno dell’acqua piovana in falda.

Al contrario dell’asfalto (inquinante e impermeabile), gli autobloccanti vengono installati a secco, permettendo al terreno di “respirare” e di continuare ad esser parte del ciclo naturale delle cose.

L’impresa esecutrice è Acca costruzioni srl di Oria (in provincia di Brindisi).

Il titolare dell’azienda, Arnaldo Cafiero, ha espresso grande soddisfazione per la qualità costruttiva dei nostri pavimenti.

Finiture di ottimo livello e grande robustezza“, ha commentato.

RISPONDI AL NOSTRO QUIZ TEST: CHE PAVIMENTO CERCHI?

Yachting Club sceglie pavimenti Grand Pavè per rifarsi il look

Lo storico stabilimento Yachting Club di San Vito (Taranto) ha impresso una svolta estetica decisiva all’accoglienza, ri-pavimentando i viali principali con il nostro Grand Pavè

Il nostro pavimento Grand Pavè fa bella mostra di sé nello storico stabilimento balneare Yachting Club di Taranto San Vito.

L’ing. Gianluca Piotti, titolare della struttura, aveva le idee chiare: desiderava un pavimento prestigioso e resistente. Doveva poi richiamare il fascino della pietra tradizionale e valorizzare i viali principali con un colore solare, ma non troppo appariscente.

Così la scelta è ricaduta sul pavimento Grand Pavè modello Appia Antico, finitura “lunare” nella tonalità del giallo.

La pavimentazione è stata realizzata mediante posa in opera di masselli autobloccanti su letto di sabbia di origine alluvionale. Il processo di installazione è stato condotto tenendo conto anche della possibilità di transiti di mezzi in grado di incidere localmente con un carico importante.

L’impiego di materiali completamente naturali e stabilizzati per il sottofondo ha reso l’intervento soddisfacente anche in chiave ambientale.

Ben fatto“, ha commentato a caldo l’ingegnere, coadiuvato da Pino Musolino, direttore dello Yachting Club.

Pavimento ultra filtrante per il 2° lotto della villa comunale a Oria

L’impresa Carone Costruzioni Srl di Copertino ha scelto il pavimento ultra filtrante Appia Koloromix per il recupero della villa comunale

L’esigenza di questo tipo di un pavimento ultra filtrante è stata espressione di una precisa progettazione per la riqualificazione di questa villa comunale ad Oria (provincia di Brindisi).

L’obiettivo dell’impresa è stato quello di garantire la preservazione totale dei luoghi, specie in considerazione dei recenti cambiamenti climatici.

Per l’occasione è stato scelto il modello Appia Kolormix.

La particolarità del pavimento ultra filtrante è quella di assicurare il completo smaltimento delle acque meteoriche, contribuendo peraltro alla salvaguardia dell’ambiente per due precisi motivi. Uno concerne la possibilità del ritorno dell’acqua in falda, l’altro riguarda la non invasività degli interventi grazie alla tipologia di posa in opera che non utilizza malte cementizie o colle chimiche per l’installazione.

La posa in opera infatti avviene mediante semplice accostamento dei masselli su letto di sabbia di ordine alluvionale.

Non potevo aspettarmi di meglio“, ha commentato Andrea Carone, titolare dell’impresa edile Carone Costruzioni Srl di Copertino, in provincia di Lecce.

Consiglierò Vibrotek a tutti i miei colleghi imprenditori“, ha aggiunto, “sono pienamente soddisfatto della qualità dei materiali e del risultato raggiunto“.

Pavimentazione esterna con Appia Kolormix in una villa a Grottaglie

Il sig Giuseppe Cavallo ha scelto Appia Kolormix Venus per la pavimentazione esterna della sua villa a Grottaglie

L’esigenza di questo tipo di pavimentazione esterna a Grottaglie è espressione di una scelta ben precisa.

Il sig. Giuseppe Cavallo ha realizzato il sogno di un pavimento bello e super resistente che può essere maltrattato senza timore che, con il trascorrere del tempo, possa rovinarsi.

Per l’occasione è stato scelto il modello Appia Kolormix, finitura Venus.

Questa pavimentazione esterna a Grottaglie è stata realizzata mediante posa in opera di masselli autobloccanti su letto di sabbia di origine alluvionale. Il processo di installazione è stato condotto tenendo conto anche della possibilità di transiti di mezzi in grado di incidere localmente con un carico importante.

L’impiego di materiali completamente naturali e stabilizzati per il sottofondo ha reso l’intervento soddisfacente anche in chiave ambientale.

Ottimo risultato“, ha commentato Giuseppe che ha valutato soddisfacente e all’altezza delle proprie aspettative il risultato del lavoro portato a termine con dovizia di particolare.

Pavimentazione esterna con basole in una villa a Grottaglie

L’ex Sindaco di Grottaglie, Avvocato Alabrese Ciro, ha scelto i nostri masselli autobloccanti per la pavimentazione esterna con basole

La scelta di una pavimentazione esterna con basole ha risposto al bisogno di un preciso risultato estetico: lineare e moderno.

L’ex Sindaco di Grottaglie, avv. Ciro Alabrese, si è affidato ai nostri consulenti tecnici e alla super resistenza dei nostri masselli autobloccanti. Ha così realizzato il sogno di ripavimentare gli spazi esterni della propria casa con soluzioni originali.

La decisione è stata il frutto di una lunga ponderazione che si è conclusa con una scelta rispettosa per l’ambiente.

La pavimentazione esterna con basole è stata infatti realizzata mediante posa in opera di masselli autobloccanti su letto di sabbia silicea, tale da non soffocare i terreni ed evitare opere impattanti quali massetti cementizi o applicazione di colle chimiche.

I masselli quindi potranno essere facilmente rimossi e re-installati in caso di interventi ai sotto-servizi. E il terreno rimane libero di assorbire le precipitazioni meteoriche, garantendo il ritorno dell’acqua in falda.

L’avv. Alabrese ha scelto il modello modulare Basola, a cui ha affiancato una originale finitura lunare.

Ottimo lavoro“, ha commentato il cliente che ha valutato molto positivamente il risultato estetico complessivo e la qualità del servizio di installazione e assistenza tecnica post vendita.

Pavimentazione in masselli autobloccanti in una villa a Taranto Lama

Giampaolo Proietti ha scelto il modello modulare Kolormix Saturn con bordatura lunare per la pavimentazione in masselli autobloccanti della sua villa

La scelta di una pavimentazione in masselli autobloccanti non è un caso, ma una precisa scelta in linea con le moderne esigenze in chiave funzionale e ambientale.

I masselli autobloccanti infatti rispondono ad una precisa richiesta di bellezza, praticità ed eco-compatibilità grazie alle loro caratteristiche di modularità e amovibilità. Vengono infatti posati su letto di sabbia silicea, per cui possono essere facilmente rimossi e re-installati in caso di interventi ai sotto-servizi.

Sono perfetti per pavimentare l’area di un giardino senza il ricorso a malte cementizie o a colle chimiche. Il terreno rimane così libero di assorbire le precipitazioni meteoriche, salvaguardando l’ambiente e garantendo il ritorno dell’acqua in falda.

Giampaolo ha scelto il modello modulare Kolormix Saturn per la pavimentazione in masselli autobloccanti, a cui ha affiancato una originale finitura lunare.

Cinque stelle per Vibrotek“, ha commentato a caldo il cliente che, giunto a noi su consiglio del posatore, è rimasto favorevolmente colpito dalla qualità superiore delle finiture e dal servizio di installazione e assistenza tecnica post vendita.

Pavimentazione zona industriale a Toritto: impresa Domenico Conte srl

L’impresa Conte ha scelto i nostri Masselli autobloccanti Classici e Drenanti per la Pavimentazione della zona industriale a sud di Bari

Il progetto per l’intervento di pavimentazione della zona industriale prevedeva la valorizzazione di parcheggi e marciapiedi con soluzioni eco compatibili.

Più in dettaglio, era richiesto l’impiego di masselli autobloccanti Classici di vari colori per l’area dei marciapiedi e di masselli Drenanti per i parcheggi.

L’impresa Domenico Conte srl ha preferito le nostre soluzioni per la pavimentazione della zona industriale per 3 motivi:

  1. si distinguono sul mercato per la particolare resistenza;
  2. si distinguono per l’eccellente qualità delle finiture;
  3. assicurano alti livelli di durabilità anche se sottoposte a carichi o usi gravosi, come il transito di veicoli.

L’impresa ci ha tenuto a sottolineare anche la puntualità delle consegne, il rispetto dei tempi e la qualità del servizio.

Come non dimenticare il fatto che l’operatore ha consegnato e scaricato in cantiere tutte le pedane senza alcun intervento da parte nostra. Per noi è stato un considerevole risparmio economico perché non i nostri operatori non sono stati distratti dal lavoro quotidiano“, ci ha tenuto a precisare il titolare dell’impresa.

Posso dire che la soddisfazione del cliente era palpabile tanto da averci concesso anche di scattarci una foto insieme con il nostro agente di zona Gianni Mariella.

E’ doveroso infine da parte mia un cenno all’impresa Conte Domenico srl: è nata nel 1960 dal nonno mastro Minguccio Conte poi passata nelle mani del papà ed infine giunta alla quarta generazione con il figlio Domenico Conte che la gestisce insieme al fratello.

Idee chiare, qualità del lavoro e affidabilità ne fanno oggi un punto di riferimento in tutta la zona.

Pavimenti per esterno per una villa con piscina a Grottaglie

Effetto kolormix e sfumature scure, questa la scelta dei pavimenti per esterno per una villa che desiderava praticità e bellezza

E’ “Modulari finitura Kolormix” il modello prescelto per i pavimenti per esterno per una villa i cui proprietari desideravano dar vita ad un’effetto cromatico elegante, sobrio, poco appariscente in grado di mettere d’accordo praticità e bellezza.

L’obiettivo è stato quello di conferire uno stile moderno e senza fronzoli.

L’idea

L’idea progettuale ha previsto la pavimentazioni eco compatibili dal design semplice e raffinato.

Il proprietario di questa villa ha desiderato unire la praticità di soluzioni antiscivolo alla bellezza di pavimenti esteticamente all’altezza della destinazione d’uso.

La scelta estetica è ricaduta subito sulla linea di pavimenti “Modulari“, dotati di particolare finitura cromatica prodotta con tecnologia “kolormix“.

La soluzione ha assicurato la soddisfazione di tutte le aspettative.

La soluzione: pavimenti per esterno per una villa dal gusto raffinato

I masselli autobloccanti che abbiamo installato qui fanno parte della linea Corti e Cortili, contraddistinti da caratteristiche tecniche adeguate agli specifici scopi.

La particolare tipologia di pavimento scelta si chiama Appia, dotata di sfumature chiare e cangianti di colore.

L’adozione di pozzetti e chiusini perfettamente integrati con la pavimentazione ha contribuito a rendere uniforme ed ordinata la visione complessiva dell’area. In particolare, abbiamo utilizzato chiusini colmati con gli stessi masselli autobloccanti che eventualmente possono essere agevolmente rimossi e re installati per accedere ai vari sotto servizi.

Ho scelto Vibrotek perché ha subito compreso le mie esigenze e realizzato i miei desideri a tempo record.

Eco compatibilità

Tutti i pavimenti per esterno villa sono stati posati completamente a secco, senza l’uso di malte cementizie o chimiche, esattamente come previsto dal nostro protocollo di montaggio “Benfatto”.

Dai un’occhiata a tutte le nostre soluzioni di pavimenti per esterni ==> https://www.vibrotek.it/portfolio/corti-e-cortili/

Pavimenti ultra resistenti al Porto di Taranto: il perché dei masselli

La scelta di pavimenti ultra resistenti al Porto è ricaduta sui masselli autobloccanti e ha interessato tutta l’area del Molo Polisettoriale

I nostri masselli autobloccanti sono stati selezionati quali pavimenti ultra resistenti al Porto di Taranto.

Il loro utilizzo d’altronde si va sempre più diffondendo, in virtù di almeno 3 vantaggi oggettivi:

  • la possibilità di essere smontati e rimontati in caso di accesso ai sottoservizi;
  • elevata resistenza all’abrasione e a trazione indiretta e carico di rottura;
  • impareggiabile convenienza economica e prestazionale.  

Non è infatti più una novità il fatto che i nostri masselli siano prodotti con tecnologie ed accorgimenti tali da renderli insuperabili per molteplici aspetti sia tecnici che prestazionali in qualsiasi condizione di utilizzo.

Questo li rende assolutamente versatili e adattabili ad ogni contesto.

Ma esaminiamo più in dettaglio il caso del Porto di Taranto.

Pavimenti ultra resistenti al porto: l’esigenza in dettaglio

I piazzali del Molo polisettoriale sono destinati a operazioni di carico, scarico e stoccaggio di container merci. Ciò presuppone il transito e manovra di mezzi industriali molto pesanti sull’intera area, in particolare autoarticolati e muletti.

I carichi e le movimentazioni all’interno dell’area portuale sono di notevole rilevanza: sono infatti oltre 100 i mezzi giornalieri che lavorano nell’area.

Al fine di determinare la tipologia dei pavimenti da utilizzare, il committente ha preso in considerazione il Codice di Buona Pratica sulla Sicurezza dei Porti ILO – punto 3.3.1 dal quale si sono desunte le caratteristiche principali delle superfici portuali:

  • Adeguata resistenza all’usura ed a sostenere i carichi pesanti sia statici che dinamici;
  • Assenza di fori, crepe, buche, inutili bordi o oggetti sporgenti;
  • Uniformità;
  • Proprietà antiscivolo in caso di pioggia o pesante umidità.

A questo punto, il Committente ha comparato le 2 soluzioni più ricorrenti per la pavimentazione di queste aree e si chiesto quale fosse più indicata per le proprie esigenze, avendo preso in considerazione sia i masselli autobloccanti che l’asfalto.

Inizialmente, tutti sembravano convinti che una pavimentazione in asfalto fosse il metodo più economico e risolutivo nel tempo.

Ma, quando abbiamo messo in luce il valore dell’esperienza condotta in altre porti d’Europa (come Rotterdam) e siamo riusciti a dimostrare che i masselli resistono molto di più nel lungo periodo e soprattutto hanno costi di gran lunga inferiori rispetto all’asfalto, tutti sono stati concordi nel considerare che i pavimenti in masselli autobloccanti siano di gran lunga preferibili rispetto all’asfalto.

Più precisamente, l’esperienza condotta anche in Inghilterra e negli USA ha rilevato che:

  • l’asfalto è inizialmente meno costoso (circa $ 45 per metro quadrato), mentre il costo dei masselli può arrivare a $ 68;
  • i costi di manutenzione a lungo termine per asfalto o cemento sono di $ 66 per metro quadrato rispetto ai $ 12 per gli autobloccanti.

Ciò si traduce nel fatto che, nel lungo termine, sommando i due valori, i masselli costano $ 80 per metro quadrato, mentre l’asfalto arriva a costare $ 111!

Il risparmio è di ben $ 31 per metro quadrato, se si utilizzano i masselli autobloccanti!

Nel costo è stato considerato non solo il materiale ma anche tutti i componenti del pacchetto di pavimentazione.

Ultra resistenza dei masselli autobloccanti

La maggior parte delle banchine portuali viene sottoposta ad un’usura estrema e ad urti accidentali notevoli.

La caduta di un collo, il posizionamento di un container direttamente a terra senza l’ausilio di supporti, il trascinamento di catene, oggetti metallici direttamente sul pavimento, l’uso di gru e macchine di movimentazione con cingoli: sono tutti esempi di utilizzi gravosi che impattano sulla resistenza dello strato d’usura.

I comuni strati d’usura tipici dell’asfalto prima o poi si lesionano, iniziandosi a consumarsi velocemente. Così ha origine lo sfaldamento degli aggregati superficiali e di riempimento.

Ciò richiede il ricorso a strati a maggior spessore che gravano pesantemente sull’ambiente e sui costi generali di pavimentazione.
Inoltre, le superfici devono tener conto della possibile esigenza di future riparazioni e degli sversamenti di olii, carburanti ed altri solventi che possono seriamente danneggiarlo.

Per tutti i motivi fin qui elencati, l’asfalto costringe a continui cicli di manutenzione straordinaria.

Al contrario, i masselli autobloccanti tipo ROBUR 10 (praticamente quelli utilizzati per la pavimentazione al porto) resistono senza alcuna difficoltà a:
– olii e solventi industriali,
– all’usura e ai carichi,
– all’esigenza di accedere ai sotto-servizi, in quanto sono facilmente amovibili e ricollocabili senza che ciò generi discontinuità della pavimentazione.

Per questi motivi, qualche tempo fa siamo stati contattati dalle imprese Prefabbricati Pugliesi e C.B.M.C. srl, nella persona di Salvatore Del Prete per pavimentare le aree destinate alla logistica e ai carichi pesanti.

Per l’occasione abbiamo intervistato il titolare C.B.M.C. srl; i contenuti li abbiamo pubblicati qui ==> www.vibrotek.it/masselli-autobloccanti-al-porto-di-taranto

Il valore aggiunto dei masselli autobloccanti Vibrotek al porto di Taranto

Come ho ribadito sin dall’inizio, le esigenze qui al porto in termini di resistenza e durabilità si sono rivelate particolarmente elevate sin dal primo momento, quindi i nostri tecnici hanno dovuto impegnarsi al massimo per garantire un risultato apprezzabile nel tempo e in qualsiasi condizione di utilizzo.

Non ci siamo limitati a produrre i pavimenti più resistenti, ma abbiamo assicurato il massimo del nostro impegno e della nostra competenza e conoscenza in campo tecnologico per raggiungere traguardi importanti e ambiziosi.

Così i nostri masselli sono stati prodotti con speciale miscela Microtech.

Caratterizzata da pregiate micro-sabbie a granulometria regolare – quarzo, granito e porfido, tale accorgimento li ha resi ancora più inattaccabili in presenza di sollecitazioni sia di tipo trasversale che longitudinale.

L’efficacia del risultato ha evidenziato il valore di queste pavimentazioni ultra resistenti al Porto con dati ben al di sopra delle norme Standard (UNI EN 1338).

In più, abbiamo assicurato:

  • Altissima resistenza meccanica;
  • Resistenza all’Abrasione;
  • Posa in opera veloce;
  • Totale assenza di scabrosità e micro-fessurazioni superficiali.

Altra importante innovazione apportata dalla miscela Microtech è la totale assenza di assorbimento dell’acqua che rimane al di sotto dei parametri della norma UNI EN 1338 e cioè ≤ 6% della massa. Consta infatti di uno speciale trattamento waterproof che ne conferisce armonia cromatica e assenza totale di macchie o muffe superficiali nel tempo.

Ad ulteriore valorizzazione del risultato, è stata implementata la tecnologia Kolormix che ha donato alla pavimentazione un risultato estetico di maggiore omogeneità.

Dai un’occhiata a tutte le nostre soluzioni di pavimenti industriali ultra resistenti per piazzali industriali ==> https://www.vibrotek.it/portfolio/piazzali-industriali-e-commerciali/

Le tipologie più comuni di pavimenti per piazzali industriali

Cominciamo da un’analisi delle 3 tipologie più comuni di pavimenti in grado di resistere alle sollecitazioni da carichi sia trasversali che longitudinali:

  • Asfalto o conglomerato bituminoso
  • Calcestruzzo
  • Masselli autobloccanti.

Un piazzale destinato al transito di automezzi pesanti è tradizionalmente realizzato con due strati di conglomerato bituminoso: 8 cm di Binder + 3 cm di tappeto di usura sono il minimo richiesto. La stesa avviene direttamente su un sottofondo adeguato alla destinazione d’uso, con una stratificazione che ha un costo quasi sempre assimilabile a quello previsto per l’utilizzo di rivestimenti in masselli autobloccanti.

Quella in calcestruzzo prevede la realizzazione di un sottofondo a base di ghiaione sul quale stendere due strati di cemento. Il secondo strato deve comprendere l’utilizzo di reti elettrosaldate che dovranno assicurare stabilità e resistenza ai carichi.

Entrambe queste due tipologie di pavimentazioni devono essere necessariamente realizzate in loco, il che dà luogo ad oggettive difficoltà di verifica delle effettive caratteristiche delle miscele di conglomerati.

Le capacità prestazionali di asfalto o calcestruzzo possono essere vagliate solo a completamento dell’opera. Se insoddisfacenti, resta difficile e costoso intervenire con opere di ulteriore consolidamento e ripristino per via di eventuali cedimenti registrati nel tempo.

Sia l’asfalto che il calcestruzzo sono fortemente impattanti dal punto di vista ambientale. Ma l’aspetto più terribile è che entrambi determinano la totale impermeabilizzazione delle superfici. Ciò favorisce il pericolo di allagamenti in presenza di bombe d’acqua. Infatti, la presenza di una canalizzazione di convogliamento delle acque meteoriche è insufficiente a smaltire grandi quantità di pioggia.

A differenza di asfalto e calcestruzzo, i masselli autobloccanti possono garantire sia grande resistenza ai carichi sia enorme capacità di smaltimento di acque meteoriche, rilasciando queste ultime direttamente nel terreno e contribuendo a realizzare piazzali eco-compatibili.

Più in dettaglio, i pavimenti per piazzali industriali e commerciali realizzati con masselli Vibrotek riescono ad assicurare resistenza, permanenza delle prestazioni e durabilità anche fino a 30 anni.

Ma non è tutto!
Sono semplici da rimuovere quando si deve accedere ai sotto-servizi. La rimozione avviene per mezzo di un semplice cacciavite e di un’apposita pinza. Non è necessario rompere alcun elemento e, terminati i lavori, i masselli tolti possono poi essere nuovamente posati, senza doverli sostituire.

Prevengono la formazione di isole di calore, così i tuoi collaboratori possono lavorare in condizioni più agevoli e produttive.

Sono disponibili in numerose finiture in grado di valorizzare i tuoi spazi anche dal punto di vista estetico, oltreché funzionale.

Proteggi i tuoi beni, scegliendo la pavimentazione giusta.

Da dove iniziare per scegliere la pavimentazione industriale adatta alle proprie esigenze?

La prima cosa da fare è contattare i nostri tecnici, fornendo una descrizione approssimativa delle misure e delle tipologie degli spazi da pavimentare.

I nostri consulenti concorderanno con te un appuntamento o un sopralluogo al fine di determinare con precisione la migliore soluzione per i tuoi ambienti.

Pavimentazione esterna supermercato: Famila sceglie i drenanti

Famila ha scelto masselli autobloccanti drenanti per la pavimentazione esterna di un supermercato a Terlizzi

L’impresa I.G Costruzioni srl di Andria tempo fa ci ha contattati per la pavimentazione esterna supermercato dei Supermercati Famila a Terlizzi (in provincia di Bari).

Il progetto ha previsto la pavimentazione con masselli autobloccanti drenanti finalizzata alla valorizzazione dell’area con soluzioni eco-compatibili.

L’esigenza

L’obiettivo è stato quello di garantire la piena fruibilità dell’area, anche in presenza di precipitazioni atmosferiche abbondanti.

La richiesta si è concretizzata nella fornitura di pavimenti ultra resistenti drenanti, eco-compatibili ed esteticamente gradevoli. Tra le altre necessità si è palesata quella di assicurare il transito confortevole dei pedoni e dei carrelli per la spesa.

La soluzione

I masselli autobloccanti che abbiamo consegnato sono pavimentazioni drenanti, caratterizzati da accorgimenti tecnici che consentono il deflusso regolare dell’acque meteoriche anche in presenza di eventi estremi.

Il modello utilizzato è il DRENOTEK, le cui caratteristiche dimensionali sono tali da garantire anche il transito di veicoli sia leggeri che pesanti. .

Ho scelto Vibrotek perché ho scelto la specializzazione.

“Preferiamo lavorare con aziende specializzate e fortemente orientate ad assicurare la massima soddisfazione del cliente”, hanno commentato i responsabili dell’azienda committente.

Eco-compatibilità

Oltre a garantire il corretto deflusso delle acque meteoriche, Drenotek è la soluzione ideale per pavimentazioni a superficie continua che preserva la falda acquifera, eliminando il problema dell’impermeabilizzazione dei terreni tipico delle grandi città.

Contribuisce inoltre a mitigare la calura estiva, creando un micro clima favorevole e impedendo la formazione delle cosiddette isole di calore, responsabili delle alte temperature urbane determinate dall’uso dell’asfalto.

Dai un’occhiata a tutte le nostre soluzioni di pavimenti drenanti ==> https://www.vibrotek.it/portfolio/sistema-drenante/